26 ottobre 2007  6

Aiutare i visitatori provenienti da un motore di ricerca con Search on Search

Search on GoogleIl motore di ricerca è lo strumento più utilizzato da ogni utente di internetW, sia esso un principiante che un esperto navigatore. Nonostante il suo utilizzo sia estremamente semplice, sfortunatamente, data la vastità e l'eterogeneità delle informazioni che offre la rete, è raro che si riesca a reperire quanto cercato in tempi rapidi.

Spesso infatti è necessario dover affinare più volte i parametri di ricerca, sia per ridurre il ventaglio dei risultati ottenuti che per ottenere risposte il più possibile attinenti alle proprie necessità. Non è raro infatti dover spesso consultare più di un indirizzo ottenuto dalla ricerca impostata, prima di poter effettivamente trovare la risposta alla propria domanda.

Talvolta però, può accadere che l'oggetto della nostra ricerca sia effettivamente contenuto all'interno di un sito visitato ma che, vuoi per una indicizzazione non aggiornata o per una differenza di peso attribuito dal motore di ricerca alla pagina visualizzata, questa non venga mostrata come prima nella lista dei risultati o addirittura non venga mostrata affatto.

BlogEngine.NET è dotato di una interessante funzionalità che aiuta il navigatore proveniente da un motore di ricerca (nello specifico Google) ad ottenere, una volta arrivato sul sito, un ulteriore elenco di pagine contenenti riferimenti a quanto utilizzato come oggetto dell'interrogazione iniziale. Questa caratteristica è stata battezzata Search On Search, ed è attivabile direttamente dal pannello di controllo.

Come funziona

Search

Il meccanismo è molto semplice: il sistema è dotato di un http handler che filtra le chiamate in ingresso isolando quelle che provengono da un altro dominio (il cui referrer o referente è quindi non vuoto) da quelle che avvengono per chiamata diretta (ovvero sono ottenute digitando direttamente l'indirizzo del sito o blog nell'apposita casella di testo del browser). Se la chiamata proviene da un referrer contenente dei parametri, ne si isola l'indirizzo httpW, si estrae la stringa contenente i parametri stessi e li si forniscono come argomenti al motore di ricerca interno del sito.

In poche parole è come se si effettuasse la stessa ricerca già compiuta dal motore omonimo, con il motore interno al sito o blog.

I risultati ottenuti vengono poi elencati in testa alla pagina già individuata inizialmente dal motore di ricerca. In definitiva si avvisa l'utente che, oltre alla pagina che si sta leggendo, i termini della ricerca effettuata potrebbero essere soddisfatti anche dalle altre pagine elencate.

Il tutto è completamente trasparente per il visitatore ed avviene in maniera automatica: il sistea riconosce i reindirizzamenti provenienti da Google e da tutti i motori di ricerca che utilizzano la variabile q nell'operazione di post della query.

Un esempio concreto

Per mostrare il funzionamento di Search on Search, è necessario fare una simulazione in due tempi. Cliccando sul link seguente, si aprirà in un'altra finestra una pagina di ricerca di Google relativa a dei contenuti presenti in questo blog. La stringa di ricerca utilizzata è : "snapshots + guida"

Cerca su Google "snapShots + guida"

Il primo risultato mostrato è relativo ad un articolo contenuto in questo sito: selezionandolo si verrà reindirizzati su di esso e si potrà notare come in testa al post vengano mostrati anche altri link contenenti riferimenti ai termini di ricerca ereditati da Google. Attualmente ho ristretto a 3 il numero massimo di ulteriori collegamenti mostrati, ma il numero può essere impostato a piacere.

Conclusioni

Sono convinto che questa funzionalità sia di grande aiuto per favorire la fidelizzazione dei visitatori occasionali: è un'ulteriore indicazione sui contenuti del sito e dà l'opportunità di effettuare da subito la scelta più adatta alle proprie esigenze. Nel caso di un blog non ha la stessa valenza dell'elenco dei post correlati che, bene o male, sono mostrati in fondo ad ogni post da quasi tutti i sistemi di blogging. Infatti,in tal caso, i criteri di scelta utilizzati normalmente variano proprio a seconda del motore di web publishing utilizzato.

Aggiornamento del 19 maggio 2008

Per motivi legati all'inserimento degli annunci Google Adsense in questo sito (e alla loro corretta integrazione), la funzionalità di Search on Search è stata disattivata, ragion per cui l'esempio citato non fornirà i risultati desiderati. Ad ogni modo resta completamente valido il discorso fatto relativamente alle potenzialità di questa opzione di aiuto alla ricerca, caratteristica esclusiva di BlogEngine.NET

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (6) -

annarita
annarita
27 ott 2007 alle 17:15  01
Grazie, Cristiano: un'ottima informazione! Penso anch'io che possa risultare utile all'operazione di ricerca. Come fare per attivarla? Scusa, probabilmente lo avrai scritto, ma sono veramente di corsa e se mi aiuti in tal senso, mi farai un piacereSmile
Cristiano
Cristiano
27 ott 2007 alle 21:24  02
Search on Search è attiva in BlogEngine di default. Per disattivarla è necessario rimuovere il controllo dedicato dalla MasterPage del blog, ovvero dal template comune per tutte le pagine.
Non so se la piattaforma Blogger dispone di questa funzionalità (credo che sia la piattaforma su cui ospiti il tuo blog): non credo, comunque mi documento e ti dettaglio meglio appena ho informazioni più attendibili.
Per Wordpress credo esista un plugin, ma non ne sono sicurissimo ...
Smile
Traffyk
Traffyk
28 ott 2007 alle 03:15  03
MMM ottima funzionalità.. penso di poterla implementare direttamente in WordPress. Prendi la stringa estrapoli la query fatta da google (le cose si complicano leggermente se vogliamo variare per ogni motore di ricerca, ma basta un array) e fai una ricerca nel motore interno prelevando articoli con quella query.

Volendo avrei una soluzione alternativa molto meno dispendiosa di risorse, perchè le ricerche comportano un'interrogazione sull'intero database talvolta (e i blog non hanno l'implementazione tipica dei forum con la tabella apposita nel database ottimizzata per le ricerche con una sola parola per riga e tutte le sue ricorrenze salvate in un insieme di valori), basta inserire un collegamento che rimanda alla pagina di ricerca interna che restituirà direttamente i risultati (se dovessero esserci).
Cristiano
Cristiano
28 ott 2007 alle 18:09  05
@Traffyk: ti consiglio di fare una ricerca tra i plug-in di WordPress perchè credo che abbiano già implementato qualcosa di simile (per non reinventare la ruota). : tempo fa mi era passato qualcosa sott'occhio ma non ho salvato il link ;)

Per quanto riguarda la tua seconda soluzione, non produrrebbe lo stesso risultato: l'obiettivo è quello di mostrare immediatamente in testa all'articolo i link ad altri contenenti le keyword cercate mediante il motore di ricerca. Come suggerisci tu, invece sarebbe comunque necessaria un'ulteriore interazione da parte dell'utente ... Inoltre in linea di massima non c'è differenza tra l'indicizzazione di un blog e quella di un forum: non mi preoccuperei dell'eventuale degrado prestazionale in fase di rendering della pagina,  ...

Ad ogni modo sono molto lusingato del fatto che questa funzionalità ti abbia stimolato delle idee per possibili miglioramenti ed applicazioni  Smile
Traffyk
Traffyk
30 ott 2007 alle 00:14  06
Sai cos è? che una ricerca sul blog comporta l'interrogazione sul database alla ricerca di tutte le ricorrenze possibili, questo quindi comporta il salto di rigo in rigo dell'apposita tabella (detto a grandi parole) per un numero imprecisato di volte fino all'ultima riga.
Una ricerca nei forum come phpbb ad esempio invece c'è una tabella wordsmatch o un nome del genere con salvate dentro tutte le parole che vengono registrate durante l'inserimento di un messaggio. Naturalmente ogni parola è una chiave univoca con associato un secondo campo contenente l'insieme di tutti gli id dei messaggi in cui è presente così in modo tale da poter interrogare soltanto le righe indicate da questo insieme e trattandosi di ricerche su campi text anche molto grossi credo che il risparmio ci sia eccome se la base di dati è molto grande.
Cristiano
Cristiano
30 ott 2007 alle 09:12  07
@Traffyk: in realtà non è proprio così, purtroppo lo spazio nei commenti non mi permette di essere più esaustivo.
Questo potrebbe essere però un ottimo spunto per scrivere un articolo sulle basi di dati e le tecniche di indicizzazione.  
Come al solito sei sempre un'ottima fonte di ispirazione, dopo Sara, naturalmente Smile (la precedenza al gentil sesso)

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti