17 dicembre 2007  7

ComeStat: mostrare gli utenti on line ma con qualche riserva

ComeStat LogoComeStat è un servizio di monitoraggio e calcolo in tempo reale del numero degli utenti che, in un determinato momento, stanno accedendo contemporaneamente ad un sito web.  

Di servizi di questo tipo ne esistono già diversi (uno dei più noti è whos.amung.us): la peculiarità di questo è la sua estrema semplicità di configurazione. Non è richiesta la creazione di un account, quindi la procedura è estremamente rapida.

Si accede al sito www.comestat.com, si sceglie il colore della grafica del contatore tra 10 disponibili, quindi si fa generare il codice contenente lo snippetW javascriptW da copiare ed incollare all'interno della singola pagina HTMLW, o in un template per replicarlo in tutte le pagine del sito o blog, esattamente nel punto ove vogliamo che sia mostrato il contatore.

A dire il vero, non ho mai creduto molto nell'utilità di servizi di questo tipo: hanno senso nella misura in cui si vuole dare un maggior senso di "community" al proprio blog oppure si vuole monitorare in tempo reale il flusso di utenza per verificare la capacità di carico del proprio web server (anche se per quest'ultimo caso è meglio affidarsi ad applicativi professionali dedicati allo scopo). Tuttavia, dopo avere letto la recensione di MaestroAlberto e attratto anche dalla grafica accattivante del contatore che ben si sposava con il footer del template del mio blog, ho deciso di sperimentare il servizio per verificarne sia l'accuratezza che l'impatto sul caricamento delle pagine.

Dopo alcune settimane di utilizzo sono giunto alla conclusione che, nonostante il servizio sia già alla versione 2.0, esso non sia ancora sufficientemente maturo:

  • Anzitutto il servizio non è sempre disponibile: spesso capita che l'immagine raffigurante il contatore o non venga caricata correttamente o non lo sia affatto.
  • Il caricamento dello snippet javascript a volte rallenta eccessivamente il caricamento della pagina.
  • Il calcolo degli utenti contemporanemente collegati è spesso errato in maniera grossolana: se ad esempio si aprono più finestre del browser su pagine diverse dello stesso sito, ComeStat le considera come visite differenti. Non sembra esserci quindi un controllo sull'apertura di sessioni concorrenti anche dallo stesso indirizzo IP (e questo in parte potrebbe essere corretto in quanto visite diverse potrebbe provenire dallo stesso gatewayW, ma si dovrebbe quantomeno fare ulteriori verifiche sulll'header HTTPW del referrer).
  • Il numero dei visitatori correntemente on line non è calcolato in relazione al momento in cui viene caricata la pagina, ma nell'intervallo temporale di 5 minuti antecedenti ad esso. Il risultato quindi ha un discreto grado di approssimazione.
  • Relativamente utile (ma da non trascurare) la possibilità di poter vedere il numero di visite relativo a ciascuna pagina nelle ultime 24 ore.

Il giudizio complessivo è appena sufficiente. Personalmente ho deciso di rimuoverlo: non mi è realmente utile e preferisco alleggerire il già notevole carico di script che affligge il template di questo blog.

Mi sento di consigliarlo per i motivi già citati all'inizio: grafica simpatica ed accattivante ed estrema semplicità sia di configurazione che di installazione, veramente alla portata di tutti.

L'importante è essere consci del fatto che i risultati ottenuti sono affetti da un margine di errore difficilmente quantificabile: se si necessita di un servizio più preciso è opportuno cercare altrove.

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (7) -

giovanna
giovanna
17 dic 2007 alle 22:15  01
carina la grafica del contatore!
io sul mio blog ne ho uno, non so più dove l'ho preso... Smile potrei ritrovare...
ma, volevo solo dire che non sempre lo controllo e tantomeno so quanto sia esatto!
(sempre supertecnologica io!!!)
ciao!
Cristiano
Cristiano
19 dic 2007 alle 08:58  02
@ giovanna:
Sul tuo blog usi il widget di whos.amung.us. Come già detto è il più difuso.
Ad ogni modo le impronte di ComeStat sono veramente simpatiche Smile
giovanna
giovanna
19 dic 2007 alle 10:01  03
Ah, grazie Cristiano,
hai fatto prima tu! Smile
in questo momento ho "2 on line"! Smile
a presto!
g.
annarita
annarita
20 dic 2007 alle 22:59  04
Anche Shinystat offre lo stesso servizio ed ho notato che anch'esso a volte soffre dello stesso male di comestat con più finestre aperte. Trovo più attendibili i servizi di sitemeter, tra cui c'è anche l'indicatore di chi è collegato online e molto di più.
Cristiano
Cristiano
21 dic 2007 alle 19:14  05
@ annarita:
Ormai ne ho provato diversi: la mia conclusione è che il servizio migliore e più affidabile sia quello basato sull'analisi dei log file generati dal web server.
Prodotti come ad esempio WebTrends sono un punto di riferimento nel settore: naturalmente sono a pagamento e non costano poco, ma senz'altro valgono il denaro speso.
Traffyk
Traffyk
23 dic 2007 alle 12:34  06
Sono l'unico che utilizza ancora solo Analytics? Come detto tempo fa a me interessa contare solo gli utenti che visualizzano i banner, tutti gli altri per me non fanno testo perchè non fanno guadagnare Tong

PS: amung.us forse non è un pochettino più performante? A me sembrano gli stessi, comunque celare i dati dei propri visitatori è un passo ulteriore verso il blogging professionale, l'alone di mistero è sempre un'ottima prerogativa nel suscitare gli interessi degli investitori Tong
Cristiano
Cristiano
23 dic 2007 alle 18:28  07
@ Traffyk:
Non se l'unico: comunque a me sembra un pò esoso di risorse e, come discusso già in altri ambiti, non particolarmente preciso.
E' molto diffuso anche HiStat (http://www.histats.com/it/): al momento è gratutito ed offre molte funzionalità.
Ribadisco comunque le mie perplessità riguardo questi contatori "iniettati" tramite javascript: più li sottopongo a test e meno mi convincono.

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti