24 febbraio 2009  2

Commenti nidificati ed altri piccoli dettagli su WordPress.com

WordPress 

WordPress LogoDopo aver deciso, principalmente per motivi di praticità, di aprire il mio blog personale su WordPress.com, ho cominciato ad osservare in maniera più approfondita le differenze esistenti tra la versione stand alone (quella che, per intenderci, è possibile installare su un hosting di proprietà e, naturalmente, gestibile in completa autonomia) e questo prodotto più orientato ad un’utenza meno skilled e che desidera aprire un blog in maniera rapida e, soprattutto, completamente gratuita.

La prima cosa che ho notato sono naturalmente le notevoli restrizioni imposte dal sistema: è possibile scegliere il tema esclusivamente tra quelli disponibili (l’elenco è comunque molto nutrito dato che al momento ne conta ben 75) con un minimo livello di personalizzazione, non è possibile caricare plug-in esterni oltre a quelli già presenti (Akismet e Statistiche), non è possibile modificare il formato dei permalinkW.

A questo, perlomeno fino a qualche giorno fa, era necessario aggiungere l’impossibilità di attivare i nested comments (ovvero i commenti nidificati) oltre che la paginazione degli stessi, funzionalità introdotte circa tre mesi fa con il rilascio della versione 2.7 di WordPress. Fortunatamente, con un comunicato del 19 febbraio 2009, è stata annunciata la possibilità di poter attivare entrambe le feature.

Le modalità sono perfettamente analoghe alla versione stand alone: dal menù Impostazioni, si seleziona la voce Discussione e si individua la sezione Altre impostazioni commenti. Da qui è possibile selezionare (tramite un segno di spunta) la voce Abilitare i commenti nidificati e scegliere anche il livello di profondità massimo raggiungibile dalla nidificazione (è preferibile non esagerare per non avere effetti indesiderati nella rappresentazione del layout): personalmente consiglio di non inserire valori superiori a 5 per evitare fastidiose anomalie nella rappresentazione del layout con l’aumentare del livello.

Come attivare i commenti nidificati

Il problema principale nell’uso dei commenti nidificati è dovuto al fatto che il tema utilizzato deve essere modificato ad hoc per supportare in maniera dinamica questa nuova funzionalità: le modifiche consistono nella possibilità di poter “spostare” tramite javascriptW il form di risposta subito al di sotto del testo del commento a cui è stata selezionata la funzionalità di risposta (reply).

In caso contrario, ovvero quando il tema non sia stato modificato in maniera opportuna, la selezione della funzione di risposta, non sposta dinamicamente il form al di sotto del commento al quale si sta rispondendo, ma si limita  semplicemente a spostarvi il fuoco sopra (comportamento analogo al mio plug-in Comment Toolbar). Naturalmente il testo inserito viene comunque registrato come commento nidificato a quello selezionato.

Non tutti i temi disponibili su WordPress.com supportano però correttamente i commenti innestati: al momento, ho deciso di utilizzare un layout reso disponibile anch’esso da pochissimi giorni, chiamato Vigilance. E’ un buon tema che consente un discreto livello di personalizzazione e, tra l’altro, è leggermente simile a quello utilizzato su questo blog. Essendo di recente acquisizione da parte di Automattic è naturalmente poco sfruttato dai circa 200.000 blog ospitati: putroppo la versione pubblicata non è l’ultima rilasciata dall’autore del tema, quindi è necessario lavorarci un po’ su per renderlo completamente confacente alle proprie necessità.

Nonostante sia stata rilasciata da pochissimo la versione 2.7.1 di Wordpress, ho notato che non è stata tuttavia corretta la pessima traduzione di Reply: anche se la traduzione letterale è proprio Replica, utilizzare invece la parola Rispondi sarebbe stato più logico oltre che più intuitivo. Avevo già segnalato l’anomalia a Wolly (che fa parte del team italiano di supporto a WordPress) ma temo che non avendogli poi fatto una segnalazione scritta (come è necessario fare in questi casi), il tutto sia caduto nel dimenticatoio.

Concludo anticipando il prossimo rilascio della nuova versione di Comment Toolbar (sviluppata già da un paio di mesi) che supporta anche la nuova funzionalità relativa appunto ai commenti nidificati: al momento è possibile vederne in funzione le caratteristiche su www.migliorblogtecnico.net.

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (2) -

Danilo
Danilo
25 feb 2009 alle 22:54  01
Dato che è tutto gratuito un minimo di limitazione deve esserci per differenziare da quella a pagamento.
Per quanto riguarda il tema io adoro il http://vendingmachines.wordpress.com, estremamente semplice e razionale.

Cristiano
Cristiano
25 feb 2009 alle 23:44  02
@ Danilo:
Non discuto assolutamente sulle modalità di "somministrazione" del servizio.
E' naturale che essendo abituato a gestirmi tutto in totale autonomia, mi senta un pò a disagio in regime di limitazioni.
Il tema che mi hai segnalato, lo avevo provato ma non mi aveva soddisfatto molto: quando i post cominciano ad esseri molti e lunghi, stranamente diventa un pò disordinato Wink

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti