10 agosto 2008  19

Due pesi e due misure, ovvero l'algoritmo imperfetto

Web 2.0 

Bilancia della giustizia In passato ho avuto più volte occasione di parlare di BlogBabel, una piattaforma social dedicata principalmente ad un servizio di aggregazione e raggruppamento dei contenuti di tutti i blog italiani. L'idea di fondo è lodevolissima, soprattutto se contestualizzata nel panorma web nostrano dove un prodotto di questo tipo, ai tempi del lancio, aveva senz'altro un suo perchè.

Sfortunatamente BlogBabel per la moltitudine è stata principalmente (e non a caso ripeto il termine) solo ed esclusivamente un punto di riferimento per la classifica ad esso associata. La scalata od il calcolo di quest'ultima, associata ad un non felice procedura di iscrizione al servizio (mancante della relativa procedura di cancellazione) crearono una serie di scompigli tra gli aderenti, tali da costringere gli editor del portale a sospenderne temporanemente il servizio, per poi riattivarlo con interessanti modifiche poco meno di un mese fa.

Purtroppo, sembra che per alcuni il problema principale sia ancora legato alla procedura di iscrizione e cancellazione che ancora manca proprio di quest'ultima. A tal scopo, dato che con la nuova riapertura del servizio sembra che siano stati introdotti dei controlli "automatici" che dovrebbero rimuovere i link "sospetti" sia dal punto di vista quantitativo che semantico e, addirittura, in presenza di un numero eccessivo degli stessi, garantirebbero l'eliminazione del blog dal circolo degli iscritti, alcuni hanno deciso di "autocandidarsi" all'espulsione pubblicando degli articoli ad hoc per agevolare la procedura.

Lo hanno fatto Giovy, Marco Camisani Calzolari (per ben due volte), Catepol e Sara Taricani. La cosa strana è che, nonostante tutto, solo due di questi sono stati al momento esclusi, ovvero quello di Sara (in maniera incredibilmente rapida) e quello di Catepol (credo in tutte le sue incarnazioni). Alla luce degli avvenimenti occorsi è evidente che questo fantomatico meccanismo di sicurezza o non funziona correttamente o non esiste proprio.

Sorvolando sulla bieca ironia che si potrebbe fare su tutta la vicenda, forse è il caso di essere un pò più costruttivi. Premesso che, come già espresso su altre pagine, chiedere la rimozione del proprio blog per una questione di principio o forse per sentirsi avulsi dalla massa, non migliora il servizio e nè rilassa le tensioni, anzi ne aumentà l'acredine, favorendo la nascita di situazioni spiacevoli ed inopportune.

D'altra parte è un diritto di ogni utente di un servizio "pubblico" (se così vogliamo definirlo dato che agisce all'interno del concetto di rete delle reti) richiedere al gestore del medesimo la rimozione dei propri dati qualora si decidesse di non volerne più usufruire. Nel caso specifico basterebbe semplicemente l'invio di una email con un minimo di informazioni che possano identificare univocamente il mittente come il vero richiedente, in attesa di una procedura on line che possa assolvere lo stesso compito.

Questo sicuramente potrebbe evitare il ricorso a plateali procedure per raggiungere il medesimo scopo; procedure che, dato che ormai è palese l'intervento umano in sostituzione del famigerato automatismo, sembrano sortire effetti differenti in funzione del richiedente e dell'autore dell'intervento di cui sopra.

Sull'argomento probabilmente potrebbero essere consumati ulteriori riflessioni. Le mie al momento, sono solo due:

  1. Chi decide di erogare un servizio su web deve necessariamente entrare nella cosiddetta "logica del fornitore" in cui molto spesso è necessario applicare la vecchia regola che recita che "il cliente ha sempre ragione". E' necessario prendere atto di ciò ed attenersi alle richieste degli utenti, soprattutto se sono legittime e motivate. Non è auspicabile prendere decisioni  unilaterali che possano essere in qualche modo inquinate da stati d'animo personali (anche se a volte senz'altro comprensibili). Ogni scelta va valutata in maniera obiettiva e ragionata e deve essere applicata indistintamente.
  2. Chi decide di aderire ad un servizio deve essere consapevole dei pro e dei contro e, al tempo stesso, prendere atto delle possibili mancanze che esso potrebbe presentare in talune situazioni, cercando di proporre delle mediazioni che potrebbero favorirne la risoluzione (ipotesi utopica ma certo non disperata).

Continuo ad essere dell'idea che Blogbabel sia un bel progetto: l'importante è che sia gestito con trasparenza e con la collaborazione e l'apporto di tutti. Chi non ne vuole fare parte deve essere accontentato e se ne deve rispettare la decisione, indipendentemente dalla propria opinione in merito.

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (19) -

Sara
Sara
10 ago 2008 alle 18:08  01
Applaudo!

Ma mi chiedo se qualcuno di BB ti risponderà mai.
Se ti rispondono metto questo post in una vetrina dedicata sulla mia sidebar!!

Laughing
Cristiano
Cristiano
10 ago 2008 alle 23:42  02
Non è importante una eventuale risposta quanto una presa di coscienza.
Ma questo deve avvenire in maniera omogenea e non unilaterale: sia chi offre il servizio che chi ne usufruisce dovrebbe trovare un punto d'incontro, altrimenti sarà indistintamente una sconfitta per tutti. :-(
Sara
Sara
11 ago 2008 alle 00:05  03
Amico mio,

me lo auguro. Del resto come hai scritto tu sopra è un'ipotesi utopica ma certo non disperata.
indy
indy
13 ago 2008 alle 20:27  04
perché non usare un sistema simile a quello che usa google per analytics, ma al contrario?

mi spiego: chi non volesse apparire su blogbabel potrebbe inserire un file o un meta-tag predefinito nel proprio sito. un banale controllo in fase di inserimento del link su blogbabel e sarebbe certa la volontà dell'autore.

niente blacklist impossibili da gestire e niente operazioni manuali lato blogbabel, niente confusione, tutti contenti.
Cristiano
Cristiano
13 ago 2008 alle 23:15  05
@ indy:
L'idea è eccellente: era stato proposto qualcosa del genere. Aggiungerei che si potrebbe eventualmente operare anche a livello di deny policy nel file robots.txt (attività leggermente più complessa).
Il tutto però implicherebbe anche uno sforzo congiunto degli sviluppatori di BlogBabel che dovrebbero prevedere un simile meccanismo.
Come già detto, le strade praticabili sono molteplici: è solo una questione di volontà.

Sara
Sara
14 ago 2008 alle 00:14  06
... che non c'è... Laughing
Pablo Moroe
Pablo Moroe
14 ago 2008 alle 11:52  07
Credo che implementare un meccanismo di rimozione account non sia così difficile, quindi non vedo perché non farlo, visto che le richieste sono comunque tante.
Il polverone alzatosi questi giorni è lo stesso che portò alla chiusura di BlogBabel. Visto che sarebbe preferibile che BlogBabel continuasse a funzionare - dato che c'è gente come me che lo utilizza anche (o solo) per vedere di cosa si parla in rete - aggiungiamo questa feature e finiamo il baccano.
Non sarebbe la cosa più semplice da fare? O mi sbaglio?
Pablo Moroe
Pablo Moroe
14 ago 2008 alle 11:53  08
Non so scrivere neanche più il mio nickname... colpa del caldo Laughing
Cristiano
Cristiano
14 ago 2008 alle 14:43  09
@ Pablo Moroe:
Non sbagli assolutamente ...

P.S.: dopo tutto anche pablo moreo non sarebbe stato male come nick :-P


Redemption
Redemption
14 ago 2008 alle 21:20  10
Ottima l'idea di Indy, secondo me con questo meccanismo BB rimarrebbe "utile" solo come aggregatore.

Bravo Cristiano sempre eccellenti articoli Laughing !
Stefano Mainardi
Stefano Mainardi
15 ago 2008 alle 15:34  11
Ludovico nei primi post di riapertura di BB aveva parlato di servizi ancora in via di implementazione per la gestione (ergo anche la rimozione) del proprio blog. Rimango ancora stupefatto dagli inutili (permettetemelo) polveroni che ogni tot si alzano contro BlogBabel. A che pro? Dimostrare cosa? Non capisco.
Cristiano
Cristiano
15 ago 2008 alle 23:34  12
@ Stefano Mainardi:
Personalmente non mi sembra di aver alzato alcun polverone, anzi credo di aver mantenuto una posizione decisamente neutrale evidenziando pregi e difetti di ciascuna delle parti interessate.

Non approvo i "giochetti" di link per agevolarsi esclusioni sensazionalistiche (e Sara ne è consapevole perchè gliel'ho più volte ribadito), ma al tempo stesso non approvo le esclusioni "intuitu personae", dato che sia Giovy che Camisani Calzolari sono ancora dove devono.

Concludo ricordandoti che, poichè uno dei motivi che portò alla sospensione di BlogBabel fu proprio l'assenza del sistema di rimozione degli account, probabilmente, prima di riaprire, sarebbe stato opportuno implementare questa benedetta funzionalità, proprio per evitare il proliferare dei polveroni di cui sopra.
In questo mestiere, a mio avviso, non si può ripetere lo stesso errore due volte, altrimenti bisogna prendere atto delle possibili conseguenze.
Marco Camisani Calzolari
Marco Camisani Calzolari
16 ago 2008 alle 11:31  13
Cristiano, tre volte ... Smile
Cristiano
Cristiano
16 ago 2008 alle 12:45  14
@ Marco Camisani Calzolari:
Come San Pietro Wink
Ma la terza l'hai escogitata a Ferragosto, oltre che dopo la pubblicazione del post.
Sembrerebbe che gli escamotage festivi valgano ancor meno :-D

Stefano Mainardi
Stefano Mainardi
17 ago 2008 alle 01:40  15
E dove ho scritto che tu hai alzato un polverone? Facevo solamente una domanda generica, e retorica.

Sono conscio delle problematiche che hai citato, e sono d'accordo con te. Quello che non capisco, è il motivo per cui alcune persone facciano di BlogBabel una questione "morale", come se fosse l'unico servizio al mondo a non "rispettare le regole". Per dire, a me stare o non stare in un classifica non implica niente. Come te sono totalmente contro alle banalissime (e sensazionalistiche, hai ben detto) trovate per farsi bannare. A che pro? Procacciarsi un pizzico di popolarità? Spirito di emulazione? Continuo sempre a non capire, ma etichetto sempre come "tremende banalità".

Per il resto, auguro per il primo (grandioso) anno di blogging.
catepol
catepol
17 ago 2008 alle 20:20  16
Una precisazione è d'obbilgo: catepol non ha mai voluto essere spulsa. catepol è stata arbitrariamente espulsa dagli editor di blog babel. Semplicemente hanno deciso che non ci posso stare in quella classifica e mi hanno epurata. io non l'ho chiesto. E non rispondono neanche a chi chiede perchè...della serie la classifica è fatta a mano e dipende dal ciclo mestruale di qualcuno
Cristiano
Cristiano
17 ago 2008 alle 21:21  17
@ Stefano Mainardi:
Sono perfettamente conscio della tua posizione in merito anche perchè ne avevamo già discusso in passato e sono molto onorato del fatto che tu l'abbia ribadita in questa occasione (ci tenevo particolarmente)
Anche tu come il sottoscritto, badi più alla sostanza che alla forma. D'altra parte siamo "solo degli informatici" :-P

Ti ringrazio immensamente per tutto Smile

@ catepol:
Non a caso ho parlato di "algoritmo imperfetto" Wink
Traffyk
Traffyk
19 ago 2008 alle 17:14  18
Su Django (perchè bb non è manco stata progettata a manina) evidentemente non esiste ancora l'opzione rimuovi record o controlla determinato meta-tag mentre esiste banna utente sconsiderato. figo eh!
Cristiano
Cristiano
21 ago 2008 alle 13:13  19
@ Traffyk:
Non ero a conoscenza di ciò: ero convinto che BlogBabel fosse basato su una piattaforma proprietaria (tutta italiana).

Adesso tutto mi è più chiaro ...

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti