16 luglio 2008  3

Ecco moo.rd 1.3.2, l'ultimo aggiornamento del framework basato su motools

Moocha, mascotte di moo.rdA poco meno di un mese e mezzo dal rilascio dell'ultima versione, il team di moo.rd ha già reso disponibile un nuovo aggiornamento del suo potente framework basato su mootools, che adesso segna il numero di versione 1.3.2. Nonostante il numero sembri indicare una minor release, in realtà le novità introdotte sono tantissime, sia dal punto di vista delle funzionalità aggiuntive, che del miglioramento del codice che è ora ancora più snello e modulare.

E' stato inoltre migliorato il supporto al rendering per Internet Explorer 6 che, anche se ormai obsoleto, risulta essere un browser ancora molto diffuso e quindi assolutamente da supportare.

Nuovi plugin

Una delle richieste che erano state più formulate dagli utilizzatori del framework con il rilascio della versione precedente, riguardavano la presenza di plugin aggiuntivi rispetto a quelli già esistenti.

Riccardo Degni, naturalmente, ha accolto volentieri i nuovi desiderata ed ha provveduto ad aggiungere 2 nuovi plugin: Tutorial e Tabs. Il primo consente di creare delle presentazioni e/o tutorial passo passo a transizione ciclica oppure limitata. Il secondo, invece, permette di implementare dei menù di navigazione basati su un'interfaccia a schede. Entrambi gli oggetti sono ovviamente utilissimi per aumentare la produttività e l'interazione delle proprie applicazione web in maniera semplice e lineare, sfruttando la potenza di javascriptW.

Nuovi effetti

Le classi Virtual ora possono utilizzare il nuovo simpatico effetto Fold e la nuova opzione adjustStyles che consente di centrare automaticamente il popup al ridimensionamento della finestra del browser.

Nuovi effetti, inOutLeft e inOutRight, per Fx.Cycles e la nuova transizione, linear, per Fx.Cycle. Inoltre, il nuovo engine interno delle classi Fx.Cycle ed Fx.Cycles permette ora di creare effetti temporizzati con navigazione basata su thumbnails senza l’aggiunta di codice esterno.

Conclusioni

Come al solito, risulta sempre difficile sintetizzare in poche righe tutte le caratteristiche del framework moo.rd, soprattutto allo stato dell'arte, dato che le nuove funzionalità e componenti aggiuntivi incrementano e migliorano sempre di più. L'unica raccomandazione è naturalmente quella di scaricare e provare sul campo il prodotto, potendo fare affidamento su un solida documentazione ed un vasto numero di esempi e demo per cascuna funzionalità.

Un particolare attestato di stima va ovviamente riconosciuto a Riccardo Degni, principale artefice del progetto (e a cui il sottoscritto, pur facendo parte del team, recentemente ha potuto dare solo un minimo contributo) che, nonostante in questi giorni si sia dovuto occupare anche della completa ristrutturazione del suo sito personale in seguito ad un intrusione esterna, è riuscito ugualmente a rilasciare nei tempi da lui stabiliti la nuova relase del framework.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la presentazione dedicata (in inglese) sul blog del progetto e l'articolo relativo sul sito dell'autore.

Download moo.rd 1.3.2

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (3) -

Crazy
Crazy
22 lug 2008 alle 19:07  01
Ciao Cristiano, sono anch'io uno sviluppatore Javascript e di conseguenza non posso non apprezzare il lavoro svolto da Riccardo, che mi sembra abbia una giovane età. Nonostante ciò, a mio modesto parere, le tecniche da lui utilizzate sono molto avanzate, cosi come la metodologia nella scrittura di codice risulta essere solida e flessibile.

Detto ciò, concludo facendo i miei personali complimenti per questo ottimo software a Riccardo e a alle persone che ne fanno parte come te.
Cristiano
Cristiano
22 lug 2008 alle 22:45  02
@ Crazy:
Ti ringrazio molto. Tutti i complimenti vanno naturalmente girati principalmente a Riccardo che è comunque il principale artefice nonchè creatore di moo.rd e che, a dispetto appunto della giovanissima età, è già un professionista maturo e preparato Smile

Crazy
Crazy
23 lug 2008 alle 14:28  03
@Cristiano: un detto che in questo caso può essere "preso in prestito" è: "fammi vedere come scrivi il codice e ti dirò chi sei".
Il codice Javascript di moo.rd è proprio ben scritto, come del resto quello degli altri script famosi, vedi jquery, prototype, mootools e altri ancora.

Tutti questi sono creati da veri professionisti, che dimostrano sul campo questa loro professionalità.

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti