16 settembre 2010  0

Prime impressioni sul nuovo Apple iPod Touch 4G

ipod-touch 4G ingombri Ho avuto modo di provare per alcune ore un esemplare di iPod Touch di quarta generazione. Non avendo potuto effettuare una vera e propria “prova su strada” del dispositivo, che mi riservo di compiere quando potrò utilizzarlo per un periodo di tempo più significativo, mi limito a riferire le mie prime impressioni, avendo come termine di paragone il modello della generazione precedente (non più in mio possesso) e, ovviamente, l’iPhone 3GS.

L’esemplare provato è il modello di ingresso, ovvero quello con taglio di memoria pari a 8 Gbyte. Ci tengo a sottolineare che, a mio avviso, con tutte le nuove funzionalità multimediali a disposizione (leggi doppia fotocamera) l’acquisto di questo modello è altamente sconsigliato proprio per il quantitativo di memoria a disposizione. Bisogna tenere conto, infatti, che la memoria indicata è quella complessiva, comprendente anche lo spazio dedicato al sistema operativo, quindi quella effettivamente disponibile è ovviamente inferiore.

Aspetto esterno

Le dimensioni sono estremamente compatte, soprattutto per quanto riguarda lo spessore, che risulta addirittura inferiore anche al modello precedente, essendo poco più di 7 mm. Veramente sottilissimo.

Anche il peso è sostanzialmente trascurabile. Messo nel taschino della camicia (o della giacca) si avverte appena. La lunghezza è leggermente inferiore rispetto ad un iPhone, la larghezza pressocchè identica.

Il dorso è sempre metallico, non più di alluminio, ma di acciaio inossidabile. Rispetto al modello precedente mantiene la stessa facilità nel riempirsi di ditate e, ad occhio, sembrerebbe anche molto sensibile ai graffi ed abrasioni, ma è una valutazione che si può fare con certezza assoluta solo nel lungo periodo, ovviamente.

Non c’è più la piccola (e antiestetica) sezione in gomma che celava l’antenna dell’interfaccia Wi-FiW, nonostante quest’ultima sia adesso anche più performante, supportando anche lo standard 802.11 n.

La presa per cuffia è sempre posta nella parte inferiore, alla destra del connettore dock; non capisco perchè non l’abbiano finalmente posizionata nella parte superiore (evidentemente più comoda) come sull’iPhone. I pulsanti per la regolazione del volume sono, come di consueto, posizionati sul lato sinistro.

ipod-touch 4G

Sezione fotografica

La più grande novità introdotta nella quarta generazione di iPod Touch è rappresentata dalla presenza di due fotocamere, una anteriore ed una posteriore, che consentono di scattare fotografie, girare video fino ad una risoluzione HD 720p (solo quella posteriore) e poter effettuare videochiamate nel nuovo standard Apple denominato FaceTime, fruibile, almeno per il momento, solo tra iPhone 4 e, appunto, iPod Touch 4G. Presumibilmente, FaceTime verrà reso disponibile anche nella nuova generazione di iPad dato che, quasi sicuramente, sarà anch’essa dotata di doppia fotocamera.

A differenza dell’iPhone 4, la fotocamera posteriore del nuovo iPod Touch, non raggiunge il Megapixel. Infatti, pur potendo girare video fino alla risoluzione massima di 1280 x 720 pixel (HD), ha la possibilità di scattare foto “solo” da 960 x 640 pixel, esattamente pari alla risoluzione del nuovo Retina display. La fotocamera frontale è invece identica e si limita alla sola risoluzione VGA.

Le foto non mi hanno entusiasmato, soprattutto quelle scattate con il sensore posteriore; la risoluzione modesta e, probabilmente, anche la differente sensibilità alla luce (accompagnata dall’assenza del flash led), ne limita la visione esclusivamente sul palmare. Insomma, portate su PC sono veramente mediocri, soprattutto se fatte in interni, decisamente inferiori anche a quelle scattate con l’iPhone 3GS.

Decisamente meglio la sezione video. Le riprese sono fluide, anche se, ovviamente, peccano nei passaggi rapidi di scena. Confrontate con altre effettuate con un iPhone 4, sembrano però, meno luminose e con colori meno saturi. Una differenza soggettiva? A mio avviso no, soprattutto perchè ritengo che il sensore presente sull’iPod Touch sia meno luminoso rispetto a quello (da ben 5 Megapixel) disponibile sull’iPhone 4.

Abbiamo provato un collegamento FaceTime, con un altro iPod Touch identico. Non so se l’esperienza possa essere significativa, più che altro perchè effettuata sotto la copertura del medesimo access point Wi-Fi (anche se in due stanze diverse) tra l’altro di classe 802.11 n. La video chiamata è fluida e ben definita, anche se, in taluni caso, ho notato la presenza (sporadica) di qualche artefatto jpg. E’ una funzionalità divertente, ma essendo possibile solo tramite connessione Wi-Fi, è praticamente inutilizzabile, perlomeno sul territorio italiano. Vedremo in futuro.

Display

Il Retina Display è veramente impressionante: il livello di definizione è incredibile anche se è necessario avere veramente un’ottima vista per poterlo apprezzare subito al meglio. Non essendo questo il mio caso, è stato necessario affiancare il nuovo iPod Touch con il mio iPhone 3GS, per poter notare la differenza (e, vi assicuro, in tal caso si nota eccome).

Avevo letto che il nuovo iPod Touch non ha un pannello LCD di tipo IPS come l’iPhone 4. Questo dovrebbe comportare un peggioramento della visuale del display nel caso in cui lo si guardi con particolari inclinazioni (un po’ come i televisori LCD che sfruttano la medesima tecnologia).

Abbiamo fatto un confronto con un iPhone 4 e, in tutta sincerità, la differenza si nota, ma è appena percettibile e solo se si inclinano moltissimo i due dispositivi. Mi sembrano delle condizioni al limite: nella visuale frontale (che è quella più diffusa in assoluto) non ho rilevato differenze. Una cosa è certa: nel confronto con un iPhone 3GS, il vincitore è sicuramente il nuovo Touch.

Audio e wireless

La nuova interfaccia Wi-Fi, se collegata ad un access point di classe 802.11 n è decisamente più performante rispetto a quella presente sui modelli di generazione precedente e sull’iPhone 3GS.

Le applicazioni vengono scaricate (ed installate) in tempi decisamente più brevi dall’App Store e anche la navigazione web tramite Safari Mobile, sembra molto più reattiva, complice comunque anche la maggiore potenza del nuovo processore.

La sezione audio, se rapportata a quella presente sull’iPhone 3GS, mi ha un po’ deluso, non tanto dal punto di vista qualitativo, quanto per la potenza di uscita sia in cuffia che dall’altoparlante integrato. In soldoni, l’audio è più basso. E’ un difetto ? Secondo me, essendo un dispositivo squisitamente votato alla multimedialità, non dovrebbe cedere il passo a nessun modello di iPhone. C’è da dire che, comunque, la stessa differenza l’avevo rilevata anche con il precedente modello di iPod Touch; forse si poteva fare qualcosa di più.

Prestazioni

Dal punto di vista della potenza di calcolo, il nuovo iPod Touch 4G, complice la presenza del nuovo processore, è decisamente più veloce dell’iPhone 3GS. Il tempo di avvio all’accensione è decisamente inferiore, la navigazione con Safari Mobile e più rapida. La risposta a tutti i comandi (animazioni incluse) è più “smooth” (non trovo un aggettivo italiano che renda meglio l’idea).

Non ho fatto test con giochi o altre applicazioni, essendomi limitato alla prova delle applicazioni ed alle nuove funzionalità in dotazione ma, presumibilmente, la user experience associata dovrebbe essere nettamente migliore.

Insomma, paragonando il nuovo iPod Touch al modello precedente, le differenze si notano eccome e, se si è disposti a sostenere la spesa (molto più alta rispetto a prima) l’upgrade è consigliato.

Conclusioni

Nonostante il prezzo di vendita sia notevolmente aumentato rispetto al modello precedente (sia passa da 189 € a 239 € per l’unità da 8 Gbyte), la dotazione di serie è (incredibilmente) più scarna. Scompare l’adattatore per il dock e le cuffiette in dotazione (in tutti e tre i tagli di memoria) non sono più dotate di microfono con telecomando.

Tenuto conto che parliamo di un prodotto il cui costo può superare i 400 €, il dettaglio non mi sembra del tutto trascurabile.

E’ necessaria inoltre una considerazione importante. Il modello da 8 Gbyte, soprattutto se si intende utilizzare molto il dispositivo per effettuare riprese in HD, rischia di essere decisamente poco capiente (anche per i motivi già esposti all’inizio).

Meglio quindi acquistare il modello da 32 Gbyte, che pur costando ben 309 €, ha un miglior rapporto prezzo/spazio di memorizzazione.

Il giudizio finale è complessivamente positivo anche se il prezzo è indubbiamente troppo alto (per tutti i modelli) sia come lettore audio e video, sia come console di gioco, sia come dispositivo di ripresa. La concorrenza costa molto meno e gode di un parco installato più ampio.

Vedremo come risponderà il mercato, dopo questa prima ondata di euforia iniziale.

Le immagini pubblicate sono proprietà di Apple

Esprimi il tuo giudizio

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti