18 gennaio 2010  5

Saranno queste le nuove caratteristiche dell’iPhone 4G ?

Mobile / Tecnologia 

iphones Col sopraggiungere del nuovo anno cominciano a essere più consistenti le informazioni che, un po’ alla volta, iniziano a trapelare sul prossimo modello di iPhone che Apple dovrebbe immettere sul mercato, come ormai consuetudine, nel mese di giugno 2010.

I “rumors” sono tantissimi a partire dal nome fino al presunto quantitativo di memoria. Una cosa è certa: il modello 3GS non ha portato innovazioni significative dal punto di vista hardware rispetto al modello precedente. Al contrario il software, completamente rinnovato ed arricchito, ha contribuito ad aprire ulteriormente il mercato a tutti coloro che avevano preferito rinunciare al melafonino in funzione dei suoi peccati di gioventù, adesso quasi completamente risolti.

Ad uso e consumo dei più curiosi, ho provato a raccogliere ed elencare tutte le informazioni al momento disponibili sulla prossima release dell’iPhone, aggiungendo le mie riflessioni ove possibile. Ci tengo a precisare che, nonostante le fonti di alcune di queste notizie siano autorevoli, si tratta sempre di “notizie non confermate”. L’ultima parola resta come sempre ad Apple.

iPhone 4g concept design

Ma andiamo con ordine:

  • Il nome del nuovo dispositivo potrebbe essere iPhone 4G
    Se Apple si dovesse riferire alla “versione” del nuovo dispositivo, potrebbe avere un senso (sarebbe infatti il 4° modello). La stessa strategia è stata seguita anche per le varie release di iPod commercializzate di volta in volta negli ultimi anni. Nell’ambito della telefonia mobile, però, il 4G indica la nuova generazione nel protocollo di trasferimento dati che, al momento, è ancora  in fase di sperimentazione. La scelta di un nome di questo tipo potrebbe indurre quindi in confusione gli acquirenti.
  • Il modello con la capacità di memoria maggiore sarà dotato di 64 Gbyte (come l’attuale modello di punta di iPod Touch).
    L’ipotesi è plausibile dato che ad ogni nuova release, dal 2G al 3GS, la memoria di archiviazione è passata progressivamente dagli iniziali (8) 4 agli attuali 32 Gbyte.
  • Il processore potrebbe essere di tipo dual core ed arrivare alla frequenza di 1 Ghz.
    Ipotesi poco probabile, dato che per sfruttare al meglio una CPU di questo tipo dovrebbe essere radicalmente modificato il SO. Tenuto conto che, attualmente, quest’ultimo non consente nemmeno il multitasking, questa notizia parrebbe decisamente priva di fondamento. Molto più probabile il semplice innalzamento della frequenza (è stato già fatto nel passaggio al 3GS). Staremo a vedere.
  • La fotocamera avrà una risoluzione di 5 Mpixel e sarà previsto un modulo VGA anteriore per permettere le videochiamate.
    Ipotesi più che realistica, non solo in virtù di un inevitabile allineamento delle capacità fotografiche a quelle di tutti gli smartphone di fascia alta già attualmente in commercio, quanto per andare incontro alle esigenze di tipo produttivo che si stanno orientando verso sensori con una risoluzione sempre maggiore. L’adozione della fotocamera anteriore, oltre che permettere le videochiamate (al momento non supportate nemmeno dal software), aprirebbe lo scenario per una nuova generazione di interessanti applicazioni (face detection, ecc.)
  • Secondo l’analista Robert Chen, il nuovo iPhone integrerà sulla cover una tecnologia simile a quella utilizzata attualmente dal Magic Mouse.
    Personalmente non riesco ad immaginare le possibili applicazioni ma mi sento di riflettere sul fatto che, se la notizia fosse vera, un dispositivo dotato di sensori di questo tipo  sarebbe sicuramente delicatissimo con tutte le conseguenze del caso.
  • Le dimensioni verranno ridotte e saranno paragonabili a quelle di un attuale iPod Touch (verrebbe quindi ridotto sensibilmente lo spessore)
    Sarebbe una buona notizia anche se andrebbe un po’ a cozzare con la presenza sia della fotocamera anteriore che di quella posteriore da 5 Mpixel (che non potrebbe tecnicamente essere alloggiata in uno spessore così ridotto)
  • Schermo di tipo OLED per minimizzare i consumi.
    Se fosse vero, il costo di produzione crescerebbe sensibilmente e, di conseguenza, il prezzo finale di vendita.
  • La batteria in dotazione avrà un amperaggio maggiore rispetto all’attuale e potrebbe essere rimovibile.
    L’aumento di capacità della batteria è sostanzialmente inevitabile, soprattutto se si prevede l’adozione di una CPU più performante. Al contrario mi sembra meno credibile la possibilità di potere rimuovere la batteria, dato che significherebbe rinnegare completamente la logica di tipo conservativo che è stata riservata fin dall’inizio al reparto di alimentazione (strategia che da sempre definisco estremamente deprecabile).

Al di là delle mere caratteristiche tecniche, ciò che sicuramente si aspettano gli attuali possessori di iPhone, è sicuramente il rilascio di una nuova release del Sistema Operativo che vada a correggere le mancanze tutt’ora più significative, quali l’assenza di un vero multitasking, una maggiore libertà di personalizzazione ed organizzazione della schermata Home e un accesso più diretto alle funzionalità più importanti (quali ad esempio l’accesso alle periferiche radio).

Ma questo è un argomento che ho già ampiamente affrontato in passato e sul quale preferisco non approfondire ulteriormente.

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (5) -

Alan
Alan
19 gen 2010 alle 09:26  01
Il primo iPhone era disponibile anche con "soli" 4GB!

Ciao
Cristiano
Cristiano
19 gen 2010 alle 09:52  02
@ Alan:
Hai ragione Smile
Avevo mentalmente "escluso" il 2G, dato che non era stato commercializzato in Italia. Provvedo alla correzione Wink
FDG
FDG
19 gen 2010 alle 15:10  03
Ehm.... un dual core potrebbe essere usato nell'iPhone perché iPhoneOS SUPPORTA il multitasking. Se il sistema non fosse multitasking mentre si tiene aperta un'applicazione non si potrebbero ricevere e leggere sms, notifiche push, non si potrebbe rispondere alle telefonate, iTunes non potrebbe funzionare in background consentendo l'ascolto della musica mentre si fa altro, non potrebbero scattare gli allarmi del calendario e così via. Quello che non è possibile fare al momento è lanciare più applicazioni in contemporanea.
Cristiano
Cristiano
19 gen 2010 alle 16:25  04
@ FDG:
Il multitasking su iPhone OS è stato "castrato" da Apple per una politica orientata ad un'esecuzione conservativa delle applicazioni (leggi maggiore velocità e stabilità ).
A meno di non effettuare un jailbreak ed usare applicazioni tipo iPhone-Backgrounder (o altro), non è possibile eseguire due o più applicazioni contemporaneamente.
Discorso differente per la gestione del modulo radio o del push notifier (a cui sono dedicati dei servizi o demoni che agiscono continuativamente in background). La gestione di uno stack di servizi non è equivalente ad un gestore concorrente di applicazioni che implica naturalmente anche la possibilità di switch (anche se apparentemente sembrano gestiti allo stesso modo).
Ad ogni modo per supportare al meglio un processore dual core, non basta il solo multitasking, ma una riscrittura ad hoc del codice del Sistema Operativo, oltre che, naturalmente delle applicazioni.
FDG
FDG
19 gen 2010 alle 16:48  05
Forse è una questione di terminologia. Per me se parli di "multitasking" parli della possibilità di eseguire più processi su una risorsa come la CPU suddividendo il tempo a disposizione tra i vari processi.

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti