22 aprile 2010  4

Super prova Sitecom WL-355: TV Media Player Wi-Fi con stile

Sitecom WL-355 TV Media Player Grazie alla cortesia e disponibilità di Barbara De Angelis di Sitecom Italia, ho avuto la possibilità di poter provare il Wireless Network TV Media Player WL-355, riproduttore multimediale anch’esso appartenente alla linea Smart Living, di cui ho già parlato nella mia recente prova del NAS MD-253 distribuito dalla medesima casa olandese.

Il mercato dei player multimediali sta diventando decisamente affollato, anche perché è ormai evidente che in futuro andranno sempre di più ad affiancare (se non a sostituire) gli attuali lettori DVD e BlueRay, dato che la maggior parte dei contenuti audio e video presenti nelle case moderne, sono archiviati sempre più frequentemente in formato digitale.

Il Sitecom TV Media Player WL-355

In questo scenario di estrema competitività, si inserisce il prodotto di Sitecom. Oltre che essere molto interessante dal punto di vista delle funzionalità, ha una linea estremamente elegante e raffinata e non sfigura affatto se posizionato nel salotto di casa, magari al di sotto del proprio televisore LCD, soprattutto se anch’esso di colore bianco lucido, come gli ultimi modelli di tendenza (ad esempio questo esemplare di Samsung) che cominciano a fare capolino nei negozi specializzati.

Come già detto, la linea riprende quella della serie Smart Living, caratterizzata da plastiche bianche lucide arricchite da inserti argentati. Anche la cavetteria in dotazione è interamente di colore bianco, incluso il cavo HDMI.

WL-355 vista frontale WL-355 vista posteriore

E’ possibile collegare il dispositivo sia a televisori LCD di ultima generazione (tramite il già citato cavo HDMI) che a televisori CRT (a tubo catodico) tramite l’ulteriore cavo audio/video composito. Completano la dotazione un cavo di rete cat. 5, il telecomando (anch’esso di colore bianco), l’alimentatore da parete (nero), la documentazione di rito ed un paio di CD con driver e manualistica in formato elettronico.

WL-355 - contenuto confezione WL-355: accessori

Il modello WL-355 del TV Media Player (a differenza dello MD-270) è corredato anche da un dongle USB Wi-Fi di classe 802.11n. In tal modo alla connettività di rete cablata (disponibile tramite l’interfaccia di rete fast ethernet già presente) si può aggiungere anche quella Wi-Fi, semplicemente inserendo la già citata interfaccia in una delle due porte USB disponibili.

Il dispositivo non è dotato di un pulsante di accensione. In compenso l’alimentatore da rete ospita un interruttore sul cavo di collegamento, dello stesso tipo di quelli utilizzati per gli abat-jour. Una soluzione abbastanza originale che, probabilmente, va a tamponare un’anomalia di progetto. Ad ogni modo è possibile spegnere e accendere il WL-355 con il telecomando, anche se in realtà si attiva o disattiva la modalità di stand-by. Il pulsante fisico consente invece di rimuovere completamente l’alimentazione.

WL-355: alimentatore WL-355: particolare della possibilità di richiesta accessorio

Come per il NAS in mio possesso, anche per questo prodotto è possibile richiedere un altro alimentatore di colore bianco all’indirizzo www.sitecom.com/adapter, avendo cura di indicarne il numero seriale.

Le interfacce, fatta eccezione per una porta USB localizzata nella parte frontale dell’apparecchio, accanto ai led di stato ed alla porta ad infrarossi necessaria per il telecomando, sono tutte posizionate nella parte posteriore. Possiamo individuare, nell’ordine, la presa di alimentazione, i tre BNC per i collegamenti audio/video analogici, la porta HDMI, il connettore audio digitale di tipo ottico, l’interfaccia LAN e la seconda porta USB (a cui si potrà collegare il dongle Wi-Fi).

WL-355: dongle USB 802.11n dual band WL-355 con dongle 802.11n inserito

L'installazione e la configurazione di questo media player sono di una semplicità disarmante. Eseguite le connessioni di rito con la cavetteria in dotazione (audio/video, alimentazione, rete cablata o plug del dongle Wi-Fi) e acceso il dispositivo, immediatamente compare sul televisore la schermata di benvenuto, seguita a ruota dal menù di selezione della lingua desiderata. Se si è inserito il dongle USB, il software di gestione chiederà se si desidera effettuare una ricerca delle reti wireless disponibili e, una volta trovate, si potrà procedere al collegamento con quella preferita inserendo, se necessario, la chiave di autenticazione (leggi password) necessaria.

WL-355: menù pricipale WL-355: menù social network

Inutile dire che questi passaggi saranno necessari esclusivamente alla prima accensione del dispositivo e verranno memorizzati in esso fino a quando o non si effettuerà un ripristino alle impostazioni di fabbrica o si procederà manualmente al cambio delle medesime mediante l'apposito menù di configurazione.

Il software ha una grafica semplice e chiara, visivamente molto accattivante grazie all'utilizzo di combinazioni cromatiche indovinate. Le icone sono grandi ed intuitive; i tempi di risposta alla pressione dei tasti sul telecomando sono pressoché istantanei, forse i migliori da me rilevati nella prova di dispositivi analoghi.

E' possibile accedere sia a risorse di rete, tramite la connettività cablata o Wi-Fi, o a dispositivi collegati ad una delle due porte USB disponibili (che diventano una sola se si collega il dongle 802.11n in dotazione). Ho testato con successo sia il collegamento di pen-drive che di dischi rigidi esterni. Non è possibile leggere direttamente schede di memoria, a meno che non si utilizzi un apposito adattatore USB.

Grazie alla certificazione DLNA, é possibile accedere direttamente anche a dispositivi UPNPW che, se presenti in rete, vengono automaticamente rilevati ed elencati quando si seleziona l'icona dedicata a questa funzionalità.

L'accesso ad unità di rete, siano esse collegate a computer o a NAS (ad esempio il già citato MD-253 della stessa Sitecom) è sempre propedeutico ad una fase di autenticazione, tramite username e password, perlomeno al primo collegamento. Successivamente, le credenziali vengono memorizzate, per cui, agli accessi successivi non vengono più richieste. Nel caso in cui la risorsa non sia protetta, alla richiesta da parte del media player di username e password, sarà sufficiente lasciare vuoti entrambi i campi (anche in questo caso, successivamente, non verranno più richiesti).

WL-355: autenticazione WL-355: lista file

Se la rete a cui si è collegato il player è anche connessa ad internet, sarà possibile cercare e visualizzare video da YouTube e foto da Flickr o Picasa, anche accedendo direttamente ad i propri account (se se ne è in possesso).

WL-355: video YouTube WL-355: immagini Flickr

La medesima connessione consente anche l’aggiornamento automatico del firmware dell’apparato, in una modalità del tutto trasparente. Durante la settimana di collaudo, ho potuto assistere alla bontà del funzionamento della procedura, dato che il caso ha voluto che Sitecom rilasciasse proprio in quei giorni una nuova release per correggere un problema di blocco proprio durante la visualizzazione dei video prelevati da YouTube. Inutile dire che, dopo l’update, il problema è stato completamente risolto.

Ho effettuato test di qualità visiva sia su un televisore LCD HD Ready da 22” che su un più datato CRT (tubo catodico) da 32”, per il primo utilizzando la connessione HDMI, mentre per il secondo, il semplice video composito. In quest’ultimo caso ho collegato l’uscita audio ottica del player al mio amplificatore 5.1 surround (con un cavo in fibra già in mio possesso) per verificare la qualità sonora durante la riproduzione delle immagini ISO (o dei Rip) delle mie copie di backup dei DVD (conservate sul NAS).

Inutile dire che la bontà dell’immagine riprodotta sullo schermo LCD tramite la connessione digitale è stata decisamente superiore rispetto a quella analogica, sia per stabilità del segnale che per definizione, ed è certamente da preferire alla seconda.

Anche la qualità audio è stata estremamente soddisfacente: gli effetti surround sono stati riprodotti con grande fedeltà. L’unico accorgimento per ottenere la corretta riproduzione del segnale è stato semplicemente quello di indicare, tramite il menù di configurazione del player, di utilizzare l’uscita ottica per la riproduzione dei suoni al posto di quella analogica (impostata per default).

Per quanto riguarda le capacità di riproduzione audio e video,  il WL-355, è compatibile con i seguenti formati:

  • Video: Mpeg 1, Mpeg 2, Mpeg 4 (ASP), Mpeg 4 (AVC HD/H.264),WMV9, VC-1, MKV, Xvid, DivX, Avi, VOB/ISO/IFO, DVR-MS, ASF, MOV, DAT (VCD/SVCD)
  • Immagine: GIF, BMP, JPEG, TIF/TIFF, PNG
  • Audio: MP3 (CBR, VBR 32~320kbps), MP2, WAV/PCM/LPCM, AAC (Mpeg 4), AC3 (Dolby), FLAC, WMA, WMA Pro

Personalmente ho effettuato test con file in formato MKV (con codifica H.264 anche in HD), Avi, DivX, Mpeg 2, VOB/ISO/IFO, JPEG, PNG, MP3, AC3 e AAC, tutti con esito positivo. La riproduzione video è fluida, priva di interruzioni ed impuntamenti, anche da rete wireless (a patto che si sfrutti un collegamento di classe 802.11n).

Non sono riuscito a riprodurre, file in formato MKV tramite connessione UPNP al NAS MD-253, mentre venivano correttamente visualizzati tramite connessione Smb. Successivamente ho verificato con stupore, che il server UPNP TwonkyVision residente sul già citato NAS, non supporta la distribuzione di file in formato MKV, da cui l’impossibilità di lettura.

Allo stesso modo ho incontrato difficoltà nell'interazione tramite il telecomando con i menù delle immagini ISO (o dei Rip) dei DVD, i quali vengono riprodotti, a patto che si individui il file corretto da avviare.

La riproduzione dei file MP3 è molto coreografica e visualizza anche la copertina del brano, a patto che sia contenuta nel file stesso, oltre alle informazioni canoniche quali titolo, autore, compilation, ecc.

WL-355: risproduzione mp3 WL-355: riproduzione MKV

Meno soddisfacente è stata la visualizzazione delle immagini. Mi è sembrato eccessivo il tempo di caricamento delle foto con risoluzione comprese tra i 6 e gli 8 Megapixel, anche accedendo a risorse locali collegate via USB, quali pen-drive o dischi rigidi esterni.

Il telecomando è molto maneggevole. Le pile sono in dotazione. I pulsanti disponibili sono ridotti all’osso ma sono corredati di etichette intuitive. Purtroppo non sono presenti né pulsanti di controllo volume e né di mute; questa mancanza è abbastanza irritante, perché non permette di avere un controllo completo di tutte le funzionalità di riproduzione con un unico strumento (è necessario anche il telecomando del televisore o dell’amplificatore).

Sotto questo aspetto, il WL-355 è in buona compagnia, visto che anche i suoi due principali concorrenti ovvero, il WD TV Live e l’Emtec N200, oltre ad avere telecomandi simili per dimensioni e numero tasti, peccano anch’essi della mancanza del controllo volume.

Conclusioni

Prima di dare un giudizio definitivo è opportuno indicare i prezzi del prodotto. Il modello da me provato, ovvero il WL-355, comprensivo di dongle USB 802.11n dual band, costa 159,99 €. Invece il modello MD-270, che differisce dal precedente per l’assenza del dongle Wi-Fi, costa 129,99 €.

Confrontando i prezzi con quelli degli equivalenti prodotti di Western Digital e di Emtec, si può notare un allineamento con il primo (129 €) e uno svantaggio nei confronti del secondo che viene proposto al pubblico con un prezzo di 99 €.

C’è da dire che, però, la dotazione di accessori dei player Sitecom è più ricca, potendo contare anche su un cavo HDMI ed un cavo di rete, entrambi assenti nelle confezione dei prodotti concorrenti. Inoltre, il modello WL-355, pur costando di più, offre già in dotazione il dongle USB che, la concorrenza, offre invece in vendita a parte (al costo di circa 29 €) ed è, purtroppo, anche abbastanza introvabile. Ci tengo a sottolineare che il dongle USB in dotazione può essere utilizzato su qualunque personal computer (vengono forniti anche i driver su CD) e non solo in congiunzione col player.

In definitiva, la scelta finale è squisitamente personale e, solo in parte, può essere influenzata dal prezzo, anche perché i prodotti Sitecom si trovano spesso sul mercato con street price molto più bassi rispetto a quelli consigliati dalla casa madre.

Giudizio ultimo quindi, complessivamente positivo. Estetica vincente ed ineccepibile, estrema stabilità del software (in una settimana di utilizzo non si è mai bloccato) e, soprattutto, ben 10 anni di garanzia, se si registra il prodotto sul sito Sitecom.

L’unico vero difetto ? La scarsa (o pressoché nulla) disponibilità nei negozi della mia zona. Ma questa è tutta un’altra storia …

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (4) -

davide
davide
23 apr 2010 alle 15:50  01
Complimenti per la recensione.
Per curiosità, che versione di TwonkyMedia hai sul server ???
Cristiano
Cristiano
23 apr 2010 alle 17:46  02
@ davide:
Grazie Wink
Il NAS MD-253 ospita TwonkyMedia 4.4.19
davide
davide
23 apr 2010 alle 21:56  03
@ Cristiano:

Io ho un NAS della QNAP, modello TS439.
Nel Dicembre scorso è uscito un aggiornamento firmware con incluso la versione 5.x di Twonkey.
Non ne sono sicuro, ma mi pare che la versione 5.x supporti il formato MKV.
Cristiano
Cristiano
23 apr 2010 alle 23:58  04
@ davide:
Purtroppo, al momento, Sitecom non ha aggiornato la versione del TwonkyMedia sul suo NAS, nonostante l'ultimo rilascio del firmware sia del mese scorso.
Al momento, quindi, niente supporto per MKV, almeno via UPNP :-(

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti