13 luglio 2008  7

iPhone, PocketPC, Symbian o Blackberry ? Meglio aspettare i saldi

Mobile / Tecnologia 

iPhone 3G Finalmente, con poco più di un anno di ritardo, anche l'Apple iPhone è arrivato in Europa e naturalmente anche in Italia. Dato che nel vecchio continente il 3G è una realtà ormai consolidata da diversi anni, la Apple ha deciso di aprire le frontiere esportando direttamente il nuovo modello dotato di supporto all'UMTSW e qualche altra features più o meno utile.

In Italia, sia TIM che Vodafone (ma si vocifera che da settembre lo avrà anche 3) hanno avuto l'esclusiva per la distribuzione, con prezzi sicuramente da capogiro ma decisamente allineati a quanto offerto sul mercato anche dalla concorrenza in ambito PocketPC Windows Mobile o SymbianW.

L'iPhone è stato definito su una rivista di settore molto accreditata come "il cellulare di Apple che cambia il mercato": è vero, ma solo nella misura in cui si intenda lo smartphoneW (definirlo cellulare mi sembra riduttivo) più un oggetto di tendenza che un mero strumento di lavoro quale, al contrario, andrebbe inteso.

Naturalmente esso è in buona compagnia: al momento il concorrente più agguerrito di Apple è sicuramente HTC che con la nuova linea Touch e, soprattutto il nuovo Diamond, ha cercato di replicare il fascino del display tattile anche sui dispositivi Windows Mobile.

Il fatto è che il touch screen ed i dispositivi mobili su di esso basati, non sono un'invenzione di Apple (nonostante l'interfaccia multitouch), ma sono presenti sul mercato da almeno una decina d'anni, solo che prima erano inquadrati in una nicchia riservata quasi esclusivamente al segmento business.

iPhone fila - Federico Fieni
OneComics © Federico Fieni 2008: Tutti in fila per l'iPhone

Naturalmente il tutto è semplicemente una grande operazione di marketing mirata a rendere "indispensabile" per chiunque dei dispositivi che, in realtà, verrebbero utilizzati in maniera effettivamente produttiva solo da pochi, complice anche la totale assenza di connettività radio a basso costo non solo nel nostro paese ma, mediamente, salvo rare eccezioni, in tutta Europa.

In questo scenario l'iPhone 3G diventa il punto di riferimento per il costo e per  il design e questo è un segnale estremamente positivo perchè costringe il mercato della concorrenza a ritarare la sua offerta e cominciare a ridurre i margini da capogiro che prima erano all'ordine del giorno su questa serie di prodotti.

Ecco quindi che il prezzo dell'HTC Touch Diamond scende già sotto i 500 € (per allinearlo, guarda caso, all'iPhone da 8 Gbyte), e altre consistenti riduzioni sono previste per gli altri modelli HTC o i Symbian di Nokia.

La scelta corretta a questo punto deve essere mirata esclusivamente alle proprie esigenze sia in termini di budget che di effettivo utilizzo del prodotto: se si intende usare massicciamente il dispositivo per comunicare via email anche con funzionalità push, navigare su internet, consultare e/o scrivere documenti oltre che, naturalmente, telefonare, la soluzione migliore a mio avviso sicuramente non è rappresentata nè dall'iPhone nè da un qualsivoglia dispositivo touch (sia esso HTC o altro) che non sia dotato di una tastiera alfanumerica completa fissa o estraibile che sia (meglio il primo caso).

Il display tattile, infatti, a lungo andare e soprattutto con un uso frequente, diventa difficile da gestire, soprattutto se abbinato a dimensioni non generose quali lo standard (ormai) de facto dei 2,8" dilagante tra i dispositivi Windows Mobile. Digitare su una tastiera virtuale lillipuziana diventa un impresa soprattutto se la medesima non è costantemente pulita da sporco e ditate; in tal senso Apple rispolverando il formato da 3,5" (abbinato alla generosa risoluzione di 320 x 480 pixel) abbandonato inspiegabilmente dai produttori PocketPC, ha imposto il vero valore aggiunto del suo dispositivo.

Blakberry Curve 8300 Allora ecco che sembra più opportuno guardare a device più orientati verso la messaggistica push come i nuovi Blackberry (il cui costo diventa sempre più abbordabile) o gli smartphone Windows Mobile dotati di tastiera QWERTYW: display panoramici, connettività UMTSW, Wi-FiW e BluetoothW e, a volte, anche funzionalità GPSW, sono ormai lo standard de facto anche su questi apparecchi, a prezzi a volte anche pari alla metà rispetto ai più glamour dispositivi touch.

L'importante è non avere fretta: acquistare l'ultimo modello appena presentato sul mercato rappresenta non solo un salasso per il proprio budget, ma fa correre il rischio di entrare nella sempre nutrita lista dei beta-tester, come tristemente si stanno già accorgendo i neo acquirenti italiani dell'iPhone 3G (non a caso ho voluto ripubblicare la simpatica vignetta di Fieni).

Aspettare "i saldi" ed investire il denaro risparmiato in connettività e traffico voce (e anche qualche piccola applicazione di terze parti), mi sembra la scelta più ragionevole. Giusto per fare un esempio, al momento è possibile acquistare il Samsung i600 a circa 150 €; non è alla moda come l'iPhone, ma almeno è dotato di ben due batterie, mentre il primo, se vi si rompe la medesima, dovete renderlo al fornitore per effettuare la sostituzione.

Esprimi il tuo giudizio

Commenti (7) -

Alan
Alan
13 lug 2008 alle 18:34  01
Sui gusti della gente non mi pronuncio. Sono (appunto) gusti.
Al post aggiungo due cose:

1) Il display dell'iPhone non è un touch screen come quelli della maggior parte dei palmari. E' molto, ma molto più sensibile. Basta sfiorarlo, non "premerlo". Chi ha un iPod che non sia il primissimo modello con la ruota meccanica può capire più facilmente cosa intendo.

2) Scusa il linguaggio, ma il Diamond gli fa veramente una pippa all'iPhone. Non è quello il suo concorrente. Se vogliamo parlare di software disponibile sono d'accordo, ma non è certo cercando di imitare l'interfaccia che si guadagnano utenti. Dietro c'è sempre Windows Mobile, le applicazioni di terzi sono sempre da utilizzare col pennino (mandando a donnine il software "touch" di HTC). L'iPhone lo usi anche con una mano sola. Perfino la tastiera usi con una mano sola (non ci crede nessuno quando lo dico ma è così).
Paolo Bee
Paolo Bee
13 lug 2008 alle 20:43  02
Credo che la vera concorrenza nei confronti dell'iPhone arriverà solo quando cominceranno ad uscire dispositivi touch che si appoggeranno ad Android come SO e quando Nokia deciderà di "fare guerra" nel settore potenziando il suo, oramai, Symbian.

L'hardware sappiamo tutti che è clonabile, soprattutto se si sceglie un sostituto di qualità ma il software credo che crei la vera differenza tra un dispositivo e l'altro.

Per quanto riguarda invece l'iPhone, quello che trovo stupido è che molte persone lo comprano convinti di prendere l'ennesimo cellulare di tendenza, non capendo che sostanzialmente è qualcosa di estremamente diverso, non a caso viene venduto con una flat, proprio perchè un iPhone senza un accesso ad internet si riduce ad un semplicissimo "telefonino" con uno schermo touch: inutile!
Purtroppo neanche i gestori di telefonia sono dalla parte del consumatore, le tariffe dati in mobilità sono estremamente elevate infatti. Quindi , considerando che i tempi di sviluppo nel nostro paese sono sempre lunghissimi, credo che il giorno in cui la maggior parte delle persone usufruirà dei propri servizi internet in mobilità usando, magari, un iPhone, sia ancora molto lontano!!

P.S. scusa, mi sono dilungato un po'!
Cristiano
Cristiano
14 lug 2008 alle 08:54  03
@ Alan:
Il display tattile della serie HTC Touch è di tipo differente ed anch'esso va sfiorato e non premuto (infatti chi, proveniente da un PocketPC di vecchia generazione è passato al Touch ha notato la notevole differenza).
La tecnologia "multitouch" è implementata via software e non è una soluzione hardware: non credo comunque che sia quella a fare la differenza in confronto ad un parco installato di ben 10 anni di applicazioni disponibili.
Se si vuole lavorare seriamente con il palmare, il pennino è necessario più che altro per evitare di "sporcare" definitivamente il display e per avere la massima precisione e velocità disponibile.

@ Paolo Bee:
Sono d'accordo praticamente su tutto: non sono molto fiducioso su Symbian (che per certi versi è ancora molto indietro), anche se dietro ci sono colossi consolidati come Nokia e Sony Ericsson, ma staremo a vedere Wink
Per quanto riguarda Windows Mobile, voglio comunque ricordare che WinCE è al momento l'unico S.O. mobile installato su tutti i dispositivi palmari (ivi inclusi i navigatori GPS stand-alone ed i dispositivi mission critical).
Non mi sembra un dettaglio trascurabile.
Alan
Alan
14 lug 2008 alle 13:12  04
Di 10 anni di applicazioni, quante sono compatibili con l'ultima versione del sistema? Togli qualche anno Smile

Per quanto riguarda il pennino, se ti preoccupi di sporcare lo schermo, allora che esiste a fare l'interfaccia Touch sull'HTC? Il pennino c'è perché dietro all'interfaccia Touch c'è sempre Windows con i controlli piccoli sullo schermo. Se fosse studiato tutto per le dita non ne avresti bisogno. Toh, giusto per disegnare qualche schizzo sullo schermo, ma a dire la verità non ho mai visto "schizzi utili" disegnati su schermi così piccoli e con così poca risoluzione di acquisizione.
Giusto per farti capire, l'iPhone segue aree molto più grandi quando premi qualcosa. Se un pulsante è grande 50x50 pixel, lui ingrandisce l'area cliccabile di 2 o 3 decimi delle sue dimensioni, anche fino a incrociare altri pulsanti.
Se proprio lo vuoi, penso che il pennino dell'HTC Touch funzioni perfettamente sull'iPhone.

Poi, non mischiamo le mele con le pere (si dice così?): Windows Mobile è basato su Win CE ma non è usato per fare le stesse cose. Che Win CE sia stra utilizzato in altri campi è irrilevante, visto che stiamo parlando di cellulari.
trombetta
trombetta
14 lug 2008 alle 13:19  05
"Per quanto riguarda Windows Mobile, voglio comunque ricordare che WinCE è al momento l'unico S.O. mobile installato su tutti i dispositivi palmari (ivi inclusi i navigatori GPS stand-alone ed i dispositivi mission critical)."

Mi sembra un'affermazione un pò troppo forte
Cristiano
Cristiano
14 lug 2008 alle 18:05  06
Alan ha scritto:
Che Win CE sia stra utilizzato in altri campi è irrilevante, visto che stiamo parlando di cellulari.
Il punto è proprio questo: qui NON stiamo parlando di cellulari ma di dispositivi palmari e/o smartphone.

Se si necessita di un cellulare e non di un dispositivo multicentrico, ormai si può tranquillamente acquistare un apparato da 50/80 €, in grado di fare anche più di quello che necessita ad un utente medio.
Il mio discorso era orientato a delle esigenze che travisano la semplice comunicazione voce.

Windows Mobile non nasce con il supporto al modulo telefonico, tanto che è stato necessario rilasciare ai tempi una release dedicata (Windows Mobile Phone Edition); è stato da sempre un prodotto per l'esecuzione di applicazioni in mobilità.

L'iPhone nasce da subito come un oggetto diverso, "Telefono, iPod e Internet insieme" (come lo definisce la stessa Apple): dispositivo differente più orientato all'intrattenimento che alla produttività.

Le scelte poi sono decisamente personali. Io non ho condannato in alcun modo il prodotto: ne ammiro decisamente il display e sono convinto che aiuterà al livellamento dei prezzi verso il basso di tutti i dispositivi più o meno analoghi. Wink
Alan
Alan
15 lug 2008 alle 01:59  07
Mica ho detto che hai condannato qualcosa. Semplicemente, Windows Mobile/PocketPC parecchio differente dall'iPhone. La scala dal più complesso al più "semplicizzato" potrebbe essere questa:

1. Windows Mobile
2. Symbian
3. Palm OS
4. Blackberry
5. iPhone

Windows Mobile cerca di imitare un pc in tasca, symbian molto meno ma ci prova. Palm anche, ma con un approccio molto più semplice, Blackberry e iPhone sono molto simili come concetto, interfaccia a parte.
Come vedi sono proprio agli antipodi.

E' vero che Windows Mobile ha avuto il modulo telefonico solo con la versione "Phone Edition", ma è stato nel (ormai passato da un bel pezzo) 2003. Cinque anni sono un enormità, il tempo di migliorare il sistema l'hanno avuto e non hanno combinato granchè. Palm OS invece è stato rifinito, e anche non inventando niente e non innovando, ha mantenuto la semplicità e la funzionalità che i suoi utenti amano. Nel frattempo Palm ha iniziato a fare device con Windows Mobile, ma se ne parli ad un palmista anche lui ti dirà che i Palm con WM non si possono paragonare a quelli con Palm OS.

IMHO, tutt'ora i Windows Mobile sono dei palmari con modulo telefonico.

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biucitecode
  • Commento
  • Anteprima
Loading


| |   |  

Codice QR

Codice QR - cristianofino.net

Ultimi Commenti