Avete presente quel vecchio detto che recita “il calzolaio va sempre in giro con le scarpe rotte” (o una delle tante varianti sul tema)? Ebbene si sposava perfettamente con la situazione del mio sito aziendale fino a qualche giorno fa.

Ho iniziato la mia attività imprenditoriale a metà 2012 e da allora non ho mai, e sottolineo mai, avuto il tempo di aggiornare, rinnovare o ristrutturare il mio sito. Un po’ per il troppo lavoro, un po’ per gli impegni sempre più stringenti e soffocanti, non sono mai riuscito a dedicarmi in maniera opportuna ad un corposo restyling.

Eppure il sito di un internet consultant (che fa anche da web agency e da software house) dovrebbero essere il fiore all’occhiello della sua attività e rappresentare il meglio delle tecnologie e delle strategie di comunicazione che può offrire e mettere in campo.

Ma adesso i tempi sono maturi e, finalmente, sono tornato “nuovamente online” con una soluzione che rappresenta il meglio di quello che posso offrire ai miei potenziali clienti, sia in termini tecnologici che comunicativi.

Parola d’ordine: velocità

Il motore è ovviamente basato su WordPress, ma la tecnologia di presentazione sfrutta Beans Framework, un sistema di sviluppo relativamente giovane (e completamente open source) che permette la creazione di siti estremamente ottimizzati dal punto di vista del codice e della velocità di esecuzione.

Dopo il restyling di www.disinfestcontrol.com (mio storico cliente), che è stato il mio apripista per l’utilizzo di questo nuovo sistema, ho deciso di realizzare anche il mio sito con la medesima tecnologia.

Il motore e le ulteriori ottimizzazioni effettuate a livello di codice permettono a questo sito di raggiungere il punteggio di 95/100 su piattaforma Desktop, tramite il noto Google PageSpeed, 100/100 mediante l’altrettanto famoso tool di test di Pingdom, e risultati più o meno analoghi su altre piattaforme di controllo sulla velocità ed accessibilità dei siti web sparse per il globo.

Ma anche comunicazione

Ma la velocità non è tutto (anche se da un po’ di tempo a questa parte è diventata un fattore importante per il posizionamento nella ricerca organica), conta anche la presentazione dei contenuti, che deve essere semplice, pulita e di comunicazione immediata.

Ecco perché, ispirandomi al Material Design di Google, ho preferito l’uso di font estremamente leggibili per dimensione e corpo (il Roboto nelle sue due declinazioni con e senza grazie), all’uso di tinte pastello, alla scelta di immagini in stile fumetto o infografica, rinunciando alle foto di stock ormai ampiamente superate e obsolete per rappresentare determinate tipologia di attività.

Ma ciò che ho voluto privilegiare maggiormente è stato l’aspetto e la velocità di caricamento da smartphone (e tablet). Ormai quasi il 60% della navigazione su web avviene tramite mobile ed avere un sito leggibile e con tempi di risposta pressocchè istantanei è un requisito imprescindibile.

Progetti futuri

Certo c’è ancora molto da lavorare e ci sono ancora diverse sezioni ancora “work in progress”, ma che presto vedranno la luce. La prima sarà un’area FAQ dedicata alla domande e risposte su tutto ciò che gravita intorno alle mie attività.

Ci sono una serie di quesiti che mi vengono posti sistematicamente ogni qual volta si vuole affrontare la realizzazione di un nuovo progetto. Con l’aiuto di questa sezione cercherò di chiarire maggiormente le idee a imprenditori e aziende che vogliono iniziare il proprio business on line (o desiderano migliorarlo).

Un portafoglio di consulenze completamente gratuito e finalizzato ad agevolare il primo contatto con chi vorrà avvalersi della mia consulenza.

Infine, dopo anni di silenzio e inattività, una nuova vita per il mio Blog, che tanto successo ebbe nel periodo d’oro del web 2.0 e che, per svariati motivi, fui costretto ad abbandonare qualche anno fa.

Ti piace il nuovo sito?

Se hai suggerimenti o consigli, la sezione dei commenti è naturalmente a tua disposizione!

2 commenti

  1. WOW

    Forse uno dei siti più veloci che abbia mai visto.
    Sono letteralmente ammirato!
    Spero almeno che a sto giro il blog non muoia e tu lo tenga vivo e “spumeggiante”!

  2. Ciao carissimo e, bentornato 🙂

    Ti ringrazio per i complimenti: questo sito è il secondo in ordine di pubblicazione sul quale implemento il mio nuovo tema ad alta velocità basato su Beans framework. Abbandonare Genesis non è stato facile (e sicuramente non lo farò del tutto, visto che ho ancora una base installato importante), ma WordPress sta diventando veramente “elefantiaco” e ormai l’obiettivo è principalmente quello di ottimizzarne le prestazioni, piuttosto che cercare di stupire con effetti speciali o animazioni ricercate.
    Per quanto riguarda il blog, tocchi un tasto dolente: le buone intenzioni sono quelli di “ripartire da zero”. Il tempo a disposizione è veramente pochissimo: cercherò di fare del mio meglio.


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito web